Concimare la Canapa Light

Per crescere le piante, tutte, hanno bisogno essenzialmente di luce e acqua, ma l’utilizzo di fertilizzanti, consente alle piante di crescere più in fretta, e avere una resa maggiore.
Altro aspetto da non sottovalutare, è la presenza di parassiti, che possono arrivare a distruggere le piante o a farle ammalare.
Per questo è consigliabile abbinare un giusto mix di fertilizzanti e antiparassitari, senza però eccedere.
Per capire se stiamo esagerando con la somministrazione di fertilizzanti, basta guardare la punta delle foglie, facendo attenzione a che non appaia bruciata o incurvata.
In tal caso è bene interrompere subito l’utilizzo del fertilizzante sostituendolo con l’acqua.

Nella prima fase vegetativa, le piante hanno bisogno di una miscela che contenga Azoto in livelli più elevati, Fosforo e Potassio. La sigla di tale mix è NPK, dovrete quindi stare attenti ed acquistare fertilizzanti o terricci che contengano tale sigla.
Se il terriccio che utilizziamo è già ricco di tali sostanze, allora durante il primo mese di crescita sarà bene non somministrare altro fertilizzante.
Superata tale fase, nel momento in cui le prime foglie sono già formate e aperte, si potrà gradatamente andare ad aggiungere il mix.

Durante la fioritura, le esigenze della pianta cambiano, e in virtù di questo deve variare anche il mix di Azoto Fosforo e Potassio, Scegliendo quindi un fertilizzante che contenga questa volta alti livelli di Fosforo e Potassio e bassi di Azoto.

Un Ultima cosa da tenere presente quando si utilizzano dei fertilizzanti è il livello di PH del terreno, dal momento che se non è compreso tra 6.0 e 7.0 per i terricci e 5.5 e 6.5 per coltivazioni idroponiche o in cocco pressato, i nutrienti non si scioglierebbero nel modo corretto.

Sottoscrivi la newsletter